• Sunday May 19,2019

Da quando i pitoni hanno invaso, le popolazioni di mammiferi della Florida si sono schiantate

Anonim

Si scopre che se si scatenano serpenti giganti in un posto che in precedenza non aveva serpenti giganti, gli altri animali locali non vanno così bene. Sembra ovvio, ma potresti essere sorpreso di quanto male valgano quegli altri animali.

Dal 2000, pitoni birmani hanno inscenato un'invasione sempre più riuscita della Florida. Nessuno sa esattamente come ci sono arrivati. Vivono normalmente nel sud-est asiatico e probabilmente sono stati trasportati da commercianti di animali esotici. Una volta in America, potrebbero essere fuggiti dai negozi di animali o dai magazzini di spedizione. In alternativa, i proprietari di animali domestici troppo ambiziosi potrebbero aver rilasciato quando sono diventati troppo grandi per il comfort. In ogni caso, sembrano fiorenti.

Con una lunghezza media di 12 piedi (4 metri), i pitoni sono formidabili predatori. Soffocano la loro preda con potenti bobine e bersagliano un'ampia varietà di mammiferi e uccelli. Keyango Keyrat in pericolo di estinzione e cicogna di legno sono sul loro menu. Quindi gli alligatori americani (ricordate questa foto spesso inviata via email?). I conservazionisti stanno cercando di fermare la diffusione dei serpenti giganti, per la preoccupazione che i loro numeri in forte espansione potrebbero significare problemi per la fauna locale.

Michael Dorcas del Davidson College pensa che sia giusto essere preoccupati. Nella prima valutazione sistematica dell'impatto dei pitoni, Dorcas ha scoperto che molti dei mammiferi della Florida sono crollati di numero nei luoghi in cui vivono i serpenti.

I procioni, ad esempio, erano uno degli animali più visti nel Parco nazionale delle Everglades della Florida. Tra il 1996 e il 1997, ne vedrete uno ogni 35 chilometri sui bordi delle strade locali. Non è più il caso. Negli ultimi anni, Dorcas e il suo team hanno guidato oltre 57.000 chilometri di piste Everglades, contando gli animali mentre andavano. Hanno lavorato tra il tramonto e l'alba in 313 notti separate. Il loro censimento stradale ha mostrato che dal 2003, quando le popolazioni di pitone sono decollate, gli avvistamenti di procioni sono diminuiti del 99, 3 per cento. I numeri di opossum sono diminuiti del 98, 9 percento. Ci sono 87, 5% in meno di gatti selvatici. Non hanno visto un solo coniglio.

Questo potrebbe, ovviamente, essere una coincidenza, ma i numeri si adattano sia al tempo che allo spazio. Le popolazioni di mammiferi hanno subito le maggiori perdite all'estremità meridionale del parco dove i pitoni hanno messo in scena per la prima volta la loro invasione. Negli angoli più lontani, dove i serpenti sono stati trovati solo di recente, i numeri dei mammiferi non sono caduti così lontano. E gli avvistamenti di mammiferi erano ancora più comuni in due aree al di fuori del parco, dove i pitoni non sono mai stati visti.

È possibile che qualche altro fattore abbia contemporaneamente innescato il declino di questi mammiferi, ma è difficile pensare a cosa potrebbe essere. Non ci sono prove che siano stati colpiti da una nuova malattia, e tutti provengono da gruppi diversi, il che rende meno probabile la possibilità di un'infezione condivisa. Anche la caccia è improbabile. E 'vietato nel Parco Nazionale delle Everglades. Mentre alcuni inevitabilmente accadono, è difficile immaginare che si verifichino alla scala necessaria per provocare le cadute che Dorcas ha visto, specialmente nella remota area meridionale del parco.

Questa è probabilmente solo la punta dell'iceberg. Procioni e opossum sono facili da individuare; possono esserci dozzine di altre specie, compresi gli uccelli locali, che sono anche colpiti in modi meno evidenti. Ma al di là delle dure statistiche di Dorcas, è difficile prevedere quale impatto avranno i pitoni. Potrebbero mangiare alcune specie all'estinzione. Potrebbero superare altri predatori per il cibo. Potrebbero consentire agli animali di medio livello di crescere rapidamente, liberandosi dei predatori.

Indipendentemente da ciò, i risultati di Dorcas dovrebbero dare maggiore urgenza ai tentativi di controllare i pitoni invasivi. In realtà, siamo in una fortunata posizione di aver identificato un problema solo una decina di anni dopo l'inizio. Altre parti del mondo non sono state così fortunate.

Poco dopo la seconda guerra mondiale, il serpente marrone fu introdotto nell'isola del Pacifico di Guam. Andò lentamente a sterminare le specie native. Ci sono voluti più di 30 anni per capire cosa stava facendo il serpente, e ormai era troppo tardi per molte specie. Grazie al serpente, la ferrovia di Guam e il martin pescatore della Micronesia sopravvivono solo negli zoo. Il pigliamosche Guam è scomparso. Il rufous fantail non c'è più. Spero che le Everglades evitino la stessa sorte.

Riferimenti: Dorcas, Wilson, Reed, Snow, Rochford, Miller, Meshaka, Andreadis, Mazzotti, Romagosa e Hart. 2011. Il declino grave dei mammiferi coincide con la proliferazione di pitoni birmani invasivi nel Parco Nazionale delle Everglades. PNAS //dx.doi.org/10.1073/pnas.1115226109

Immagine di Bobosh_t

Altro su pitoni e altri serpenti giganti:

  • I serpenti sanno quando smettere di spremere perché sentono i battiti del cuore della loro preda
  • Incontra l'Agta, una tribù in cui un quarto degli uomini è stato attaccato da serpenti giganti
  • Una ricetta per far crescere cuori più grandi, trovati nel sangue dei pitoni
  • Titanoboa - tredici metri, una tonnellata, il più grande serpente di sempre.
  • Le proteine ​​del serpente hanno subito una massiccia riprogettazione evolutiva


Articoli Interessanti

Cosa ha reso queste impronte 5,7 milioni di anni fa?

Cosa ha reso queste impronte 5,7 milioni di anni fa?

AGGIORNAMENTO, 15 settembre: i rapporti stanno iniziando a emergere che il sito potrebbe essere stato distrutto da un vandalo, ma i dettagli sono sottili e contrastanti. Segui questa storia in via di sviluppo qui. AGGIORNAMENTO, 6 settembre: È stata una bella chiacchierata con il paleontologo dell'Università di Uppsala Per Ahlberg, l'autore corrispondente dello studio, che ha chiarito quale fosse la situazione della massa di terra al momento della realizzazione delle piste.

NCBI ROFL: Perché Miss Polonia è più bella degli studenti generici.

NCBI ROFL: Perché Miss Polonia è più bella degli studenti generici.

Indice di massa corporea e vita: il rapporto dell'anca non è sufficiente per caratterizzare l'attrattiva femminile. "La valutazione delle caratteristiche del corpo caratteristico dei finalisti del concorso di bellezza Miss Polonia rispetto al gruppo di controllo, può contribuire a riconoscere l'ideale contemporaneo della bellezza promosso dai mass media.

La droga anti-ansietà nel sistema idrico modifica il comportamento dei pesci

La droga anti-ansietà nel sistema idrico modifica il comportamento dei pesci

"Deve essere qualcosa nell'acqua" non è solo una linea dei minuti iniziali di un film dell'orrore. Nuove prove confermano il timore che il comportamento degli animali possa essere alterato da farmaci introdotti inavvertitamente nei loro habitat attraverso i nostri sistemi fognari. In uno studio pubblicato oggi, i ricercatori svedesi riferiscono che il pesce dato all'Oxazepam, un farmaco per l'ansia moderatore per gli esseri umani, è diventato meno sociale e più aggressivo. I

Luci del cielo

Luci del cielo

Il termine di imposta sul reddito di questo mese potrebbe ispirare fantasie di fuga dalla Terra. Ma le leggi della fisica, come le leggi dell'IRS, sono irrevocabili. Prima di poter installare un rifugio fiscale su Marte, c'è una piccola questione di raggiungere la velocità di fuga. Scendere dal nostro pianeta richiede una velocità da manuale di 6, 96 miglia al secondo. Q

L'avanguardia della medicina

L'avanguardia della medicina

Foto di Colby Katz Alle dieci del Ryder Trauma Center di Miami: una vittima di un proiettile nei suoi trent'anni è stata appena tagliata dallo sterno all'inguine, esponendo organi scintillanti che fremono e pulsano. Il medico curante, Fahim Habib, e due chirurghi in formazione - un compagno e un residente - stanno usando dei potenti retrattori per fare a pezzi l'incisione gigante.

In che modo l'alcol influisce sui recettori "no-go" nel cervello

In che modo l'alcol influisce sui recettori "no-go" nel cervello

Bere alcol non riduce solo le nostre inibizioni sulla pista da ballo, ma influenza anche direttamente le strutture del nostro cervello che inibiscono il nostro desiderio di bere. In particolare, l'alcol influenza i recettori della dopamina che ci convincono a iniziare a bere e ci dicono quando è il momento di smettere.