• Sunday June 16,2019

Il riscaldamento globale minaccia anche le specie tropicali

Anonim

Il riscaldamento globale non è solo una minaccia per gli orsi polari nell'Artico in rapido riscaldamento, un nuovo studio dice: Anche le specie ai tropici stanno iniziando a sentire gli effetti, e peggioreranno soltanto. I ricercatori hanno esaminato oltre 1.900 specie di piante, insetti e funghi in una foresta pluviale del Costa Rica e sono giunti alla preoccupante conclusione che se le temperature mondiali continuano a salire come previsto nei prossimi 50 anni, metà di quelle specie dovrà passare a completamente nuove territorio per trovare un habitat appropriato.

La situazione è complicata per le specie tropicali, afferma il ricercatore Robert Colwell; spostando il nord o il sud non si raggiungono temperature significativamente più basse, quindi le specie dovranno stabilirsi a quote più elevate per sopravvivere. In assenza di pendii montuosi che fungano da rifugio freddo, quelle piante e quegli insetti che non possono affrontare temperature più elevate potrebbero scomparire in quanto richiederebbero migrazioni di centinaia o persino migliaia di miglia per trovare un habitat più adatto per attraversare il clima radicalmente modificato dagli impatti umani. "Per le specie tropicali delle pianure la cui estensione geografica è lontana dalle montagne, ad esempio nel mezzo dell'Amazzonia", afferma Colwell, "la prospettiva dell'estinzione non può essere ignorata".

Il rapporto, pubblicato su Science [abbonamento richiesto], suggerisce che la preziosa biodiversità della foresta pluviale potrebbe essere in pericolo tanto quanto lo splendore glaciale dell'Artico. Molti degli insetti e delle piante abitano in zone ristrette, e Colwell sostiene che alcune specie dovranno spostare i propri campi fino a 2.000 piedi più in alto se il clima si scalda di ben 6 gradi, e questo li metterà in ambienti completamente nuovi di fronte competizione che l'evoluzione non ha loro ad affrontare.

. Allo stesso tempo, le specie che vivono già vicino a [le cime delle montagne] si troveranno senza un posto dove muoversi.

Alcuni esperti non sono d'accordo con la sua valutazione, dice Colwell, a causa della storia antica della regione. "L'attuale saggezza convenzionale anche tra gli scienziati è che le specie tropicali andranno bene nonostante il riscaldamento globale perché nei tempi antichi - da 5 a 50 milioni di anni fa - il clima era più caldo e c'erano foreste tropicali", ha detto. "Discutiamo che non è così chiaro. Che ci sia bisogno di fare molte più ricerche per vedere se questo è il caso ", ha detto. E mentre i ricercatori sono impegnati a capirlo, Colwell suggerisce che non sarebbe una cattiva idea proteggere i monti tropicali dallo sviluppo, nel caso in cui alcune specie stiano cercando una nuova casa.


Articoli Interessanti

Kinect Hacks: Turn Invisible, Make a Instant Light Saber, & More

Kinect Hacks: Turn Invisible, Make a Instant Light Saber, & More

La nuova generazione di controllo dei videogiochi ci è arrivata con il rilascio di Kinect di Microsoft, che consente agli utenti di controllare i giochi speciali XBOX 360 con tutto il loro corpo. Gli hacker hanno scavato avidamente nel dispositivo, specialmente da quando Shannon Loftis di Microsoft ha dichiarato a Ira Flatow di Science Friday che nessun hacker si metterebbe nei guai per trovare usi alternativi per il Kinect: "Sono molto felice di vedere che le persone sono così ispirate che è stata meno di una settimana dopo che il Kinect è uscito prima che iniziassero a creare e pensare a

Come studiare gli embrioni, nessun embrione richiesto

Come studiare gli embrioni, nessun embrione richiesto

Studiare lo sviluppo umano - specialmente le primissime fasi della gravidanza - può essere una cosa complicata. Di solito, gli scienziati hanno bisogno di embrioni per esaminare queste prime fasi. Il problema è che gli embrioni sono una risorsa costosa e limitata e lavorare con loro è pieno di dilemmi etici. O

Eclipse followup parte 2: tonnellate di link su come guardare in sicurezza

Eclipse followup parte 2: tonnellate di link su come guardare in sicurezza

Oggi è l'eclissi! Sono eccitato, anche se il nostro tempo qui a Boulder è stato abbastanza touch-and-go nelle ultime settimane. Spero in cieli sereni quindi posso vederlo; Ieri ho ricevuto i miei occhiali eclissi nella posta, quindi sono pronto. A livello locale, CU Boulder è in attesa di vedere nello stadio di calcio! Q

IR Orion

IR Orion

Oddio. Con la riunione della IAU in corso al momento, sapevo che sarei stato colpito da notizie e belle immagini. e avevo ragione. Scoprendo la splendida immagine di una regione che forma le stelle in una galassia vicina, arriva questo: . una regione che forma le stelle nella nostra Galassia. Questa è la famosa Nebulosa di Orione, un'enorme nube di gas e polvere che sta espandendo le stelle.

La nuova legge consente ai prodotti chimici tossici di divieto EPA

La nuova legge consente ai prodotti chimici tossici di divieto EPA

Tunart / Getty Images I leader del Congresso negli anni 70 politicamente turbolenti sono riusciti a far passare leggi radicali per assicurare aria e acqua pulite, proteggere le specie in via di estinzione e tenere le sostanze tossiche fuori dai normali prodotti domestici. Quest'ultima legge, il Toxic Substances Control Act del 1976, ha avuto una revisione nel 2016 in un po 'di bipartisan ritorno al passato

Visualizzazione dei collegamenti del cervello

Visualizzazione dei collegamenti del cervello

Il cervello umano è un posto affollato. Contiene circa 100 miliardi di neuroni, collegati l'un l'altro da un milione di miliardi di sinapsi. Il neuroscienziato Olaf Sporns dell'Università dell'Indiana, il biologo cellulare Jeff Lichtman di Harvard e il neuroscienziato computazionale Sebastian Seung del MIT stanno mappando queste connessioni, con lo scopo di creare un "connectome" di un intero cervello.