• Sunday May 19,2019

Fossile dal deserto arabo, 85.000 anni, sfida il nostro calendario

Anonim

Bene bene bene.

si potrebbe dire che un nuovo fossile molto significativo sta davvero dando il dito sull'evoluzione umana e sulla linea temporale della migrazione, considerata una volta sola, ma scolpita nella pietra.

Una scoperta nel deserto arabo conferma che l' homo sapiens aveva vagato ben oltre la nostra ancestrale patria africana migliaia di anni prima di quanto si pensasse.

Negli ultimi anni, un certo numero di gruppi di ricerca separati hanno raccolto prove, inclusi fossili, artefatti e dati genetici, che hanno rovesciato la vecchia cronologia per l'evoluzione umana e la dispersione oltre l'Africa.

Per decenni, l'attuale storia della nostra evoluzione e migrazione attraverso il pianeta è stata pensata per iniziare in Africa circa 200.000 anni fa con l'emergere di arcaico H. sapiens, seguito da esseri umani moderni anatomicamente in evoluzione circa 100.000 anni fa e lasciando la nostra patria ovunque da 45.000 a 60.000 anni fa.

Ma poi trova che contraddicono la vecchia linea temporale che ha iniziato a comparire, come l'arcaico H. sapiens vecchio di 300.000 anni di Jebel Irhoud in Marocco e i segni di esseri umani moderni lontani dall'Africa come l'Indonesia di 73.000 anni fa.

Alla fine del 2017, sulla base delle pile di nuove prove emerse da più discipline, i paleoantropologi hanno chiesto un nuovo modello della storia umana da abbracciare sul campo (sebbene, come con qualsiasi progresso scientifico, restino le riserve).

La cronologia rivista è più o meno la seguente: gli esseri umani sono emersi come specie più di 300.000 anni fa (e probabilmente anche prima) e hanno iniziato a lasciare l'Africa per esplorare l'Eurasia, iniziando con il Levante e siti come Skhul e Qafzeh, almeno 120.000 anni fa.

E negli ultimi due mesi, un'altra scoperta ha suggerito che anche il nuovo modello è obsoleto: il fossile di Israele conosciuto come Misliya-1 ha respinto la presenza del moderno H. sapiens oltre l'Africa ad almeno 177.000 anni fa.

Convertirsi al bio

In mezzo alla raffica di scoperte, le squadre hanno pettinato il deserto arabo per più di un decennio alla ricerca di una presenza umana precoce. Progetti come i paleoveneti hanno permesso ai ricercatori di ricreare il clima del passato della penisola arabica e determinare che un tempo era un posto molto più ospitale, proprio il tipo di ambiente che avrebbe attirato la nostra specie.

Le immagini satellitari e altri metodi, ad esempio, hanno rivelato che l'Arabia era una volta sede di 10.000 laghi, alcuni pieni di piogge monsoniche e solo stagionali, ma molti altri esistenti tutto l'anno.

Questa comprensione dettagliata di "Arabia Verde" e la posizione specifica del fossile è importante perché il percorso di migrazione umana dall'Africa continua a essere discusso.

Sebbene le prove del primo esodo siano state trovate in Israele, suggerendo che H. sapiens prese una rotta settentrionale (il "corridoio levantino") attorno al Mar Rosso, alcuni ricercatori ritengono che almeno alcune fasce di umani debbano aver scelto una rotta meridionale, attraversando a quello che ora è lo stretto di Bab el Mandeb tra Gibuti e Yemen. Entrambe queste rotte proposte, tuttavia, suggeriscono che i primi esseri umani rimasero vicino alle coste.

Indipendentemente da come gli umani sono arrivati ​​in Arabia Verde, avrebbero trovato una vera e propria terra di abbondanza. Ma, sebbene precedenti scavi avessero scoperto strumenti di pietra che indicavano una presenza umana lì durante questo periodo iniziale dell'Africa, un fossile umano "fumante" aveva eluso i ricercatori.

Fino ad oggi.

Il gioco degli appuntamenti

In uno studio pubblicato su Nature Ecology & Evolution, i ricercatori descrivono una falange intermedia, o osso del dito, trovata nel sito del deserto arabo di Al Wusta. E sì, secondo il coautore dello studio e archeologo dell'Università di Oxford, Huw Groucutt, rivolgendosi ai media la settimana scorsa, "Pensiamo che sia il dito medio".

Sofisticamente scherzando, ciò che è veramente importante per il ritrovamento del dito è che le sue dimensioni e la sua forma sono coerenti con H. sapiens piuttosto che con i Neanderthal. Una deformità visibile su un lato sembra essere una crescita ossea anormale chiamata entesofita, che in genere deriva da un trauma o da uno stress ripetuto all'osso nella posizione. Anche l'osso sembra mostrare segni di intensa attività manuale.

La datazione diretta dell'osso delle dita suggerisce che abbia almeno 85.000 anni, il che lo rende uno dei più antichi fossili di H. sapiens mai trovati al di fuori dell'Africa. Gli autori dello studio chiamano AW-1, come è formalmente conosciuto, "il più antico fossile datato direttamente della nostra specie al di fuori dell'Africa e del Levante" ed è un'importante distinzione da fare, dal momento che fossili più antichi, descritti in modo controverso da altri ricercatori come H. sapiens, sono stati trovati in Cina.

Un fossile datato è praticamente quello che sembra: i ricercatori sono in grado di datare il fossile stesso, in questo caso attraverso la datazione radiometrica, piuttosto che stimare una data basata su artefatti trovati con essa o sull'età del sedimento e altro materiale immediatamente sopra o sotto

Nel caso dell'AW-1, oltre a datare direttamente l'osso del dito attraverso una tecnica chiamata datazione della serie dell'uranio, il team ha confermato la sua età anche datando materiale intorno ad esso, inclusi i resti e i sedimenti dell'ippopotamo, usando una varietà di metodi come una croce -dai un'occhiata.

Basandosi sulla ricerca paleoclimatica, l'area intorno ad Al Wusta, all'interno della penisola arabica, sarebbe stata praterie semi-aride popolate da animali principalmente africani - più di 800 fossili di vertebrati furono trovati nelle vicinanze. Il sito includeva un lago d'acqua dolce che sarebbe stato profondo alcuni metri durante tutto l'anno.

Quasi 400 strumenti di pietra sono stati trovati ad Al Wusta, suggerendo, dice Groucutt, "C'erano molte persone che vivevano lì.

una densa occupazione umana. "

Certamente, "la densa occupazione umana" durante il Pleistocene superiore, quando tutto questo andò giù, non significa una città o anche una città. I primi esploratori umani erano cacciatori-raccoglitori altamente mobili, che probabilmente vivevano in gruppi di 20-40 persone basati sulle società tradizionali di cacciatori-raccoglitori che persistono oggi.

Inoltre, non sperare che i ricercatori trovino DNA antico nel fossile. Sì, altri team sono riusciti a estrarre materiale genetico da fossili di ominidi molto più antichi, come quelli della Sima de los Huesos in Spagna, che ha un orologio di 430.000 anni, ma l'antica conservazione del DNA richiede sia condizioni precise - compreso il freddo - sia una tonnellata di fortuna. Il processo di estrazione è anche distruttivo per il fossile stesso, quindi la squadra non andrà a macinare il prezioso reperto sapendo che quasi certamente non otterrà alcun DNA.

Camminare in questo modo

Cosa ci dice esattamente il fossile frammentario di Al Wusta? Bene, molto, e non tutto si adatta al nuovo modello di migrazione umana.

Diamo un'altra occhiata a quel nuovo modello di dispersione umana proposto lo scorso dicembre - uno dei suoi coautori, Michael Petraglia, è anche coautore del quotidiano AW-1 di oggi, e una delle voci principali di la recente spinta a concentrarsi su aree precedentemente ignorate, tra cui l'Arabia Verde, che potrebbe contenere indizi per una maggiore comprensione delle dispersioni umane dall'Africa.

Il modello proposto a dicembre ha avuto alcune piccole ondate migratorie che si sono verificate circa 100.000-120.000 anni fa, probabilmente confinate nel Levante, seguite da una tregua e poi dal vero tsunami di umani anatomicamente moderni, che sono usciti dall'Africa circa 65.000 anni fa.

Al Wusta cade tra quelle prime e ultime dispersioni, suggerendo o che le prime onde hanno avuto più successo del pensiero, e hanno raggiunto l'interno di quello che è ora il deserto arabo, o che le onde non si fermano mai, e gruppi di umani che si stanno sventolando oltre l'Africa per tutto il periodo, piuttosto che in due impulsi.

In un commento pubblicato insieme allo studio di oggi, l'antropologo dell'Università di Tulsa, Donald Henry, sostiene che gli strumenti di pietra trovati ad Al Wusta sono più simili nello stile agli strumenti africani che a quelli trovati nei siti di Levante, che a lui suggeriscono la gente chi li usava era culturalmente più vicino agli umani ancora in Africa. Ciò potrebbe significare, offre Henry, che Al Wusta fornisce prove di esseri umani che lasciano l'Africa per la rotta meridionale e lo stretto di Bab el Mandeb.

Petraglia, tuttavia, ha allontanato il documento di oggi da quel suggerimento. Egli osserva che, anche con livelli più bassi del mare durante i vari periodi del Pleistocene superiore, la traversata a Bab el Mandeb avrebbe richiesto qualche tipo di moto d'acqua. Ed è logico supporre che se tu avessi la moto d'acqua, ti atterrai alla costa piuttosto che avventurarti in profondità nell'interno.

La rotta settentrionale dall'Africa al Levante - e, teoricamente, ad Al-Wusta se si è impiccato a destra ea sud-est per 650 chilometri - è molto più semplice. Dice Petraglia: "Sarebbe stato molto facile attraversare il Sinai e l'Arabia".


Articoli Interessanti

Cosa ha reso queste impronte 5,7 milioni di anni fa?

Cosa ha reso queste impronte 5,7 milioni di anni fa?

AGGIORNAMENTO, 15 settembre: i rapporti stanno iniziando a emergere che il sito potrebbe essere stato distrutto da un vandalo, ma i dettagli sono sottili e contrastanti. Segui questa storia in via di sviluppo qui. AGGIORNAMENTO, 6 settembre: È stata una bella chiacchierata con il paleontologo dell'Università di Uppsala Per Ahlberg, l'autore corrispondente dello studio, che ha chiarito quale fosse la situazione della massa di terra al momento della realizzazione delle piste.

NCBI ROFL: Perché Miss Polonia è più bella degli studenti generici.

NCBI ROFL: Perché Miss Polonia è più bella degli studenti generici.

Indice di massa corporea e vita: il rapporto dell'anca non è sufficiente per caratterizzare l'attrattiva femminile. "La valutazione delle caratteristiche del corpo caratteristico dei finalisti del concorso di bellezza Miss Polonia rispetto al gruppo di controllo, può contribuire a riconoscere l'ideale contemporaneo della bellezza promosso dai mass media.

La droga anti-ansietà nel sistema idrico modifica il comportamento dei pesci

La droga anti-ansietà nel sistema idrico modifica il comportamento dei pesci

"Deve essere qualcosa nell'acqua" non è solo una linea dei minuti iniziali di un film dell'orrore. Nuove prove confermano il timore che il comportamento degli animali possa essere alterato da farmaci introdotti inavvertitamente nei loro habitat attraverso i nostri sistemi fognari. In uno studio pubblicato oggi, i ricercatori svedesi riferiscono che il pesce dato all'Oxazepam, un farmaco per l'ansia moderatore per gli esseri umani, è diventato meno sociale e più aggressivo. I

Luci del cielo

Luci del cielo

Il termine di imposta sul reddito di questo mese potrebbe ispirare fantasie di fuga dalla Terra. Ma le leggi della fisica, come le leggi dell'IRS, sono irrevocabili. Prima di poter installare un rifugio fiscale su Marte, c'è una piccola questione di raggiungere la velocità di fuga. Scendere dal nostro pianeta richiede una velocità da manuale di 6, 96 miglia al secondo. Q

L'avanguardia della medicina

L'avanguardia della medicina

Foto di Colby Katz Alle dieci del Ryder Trauma Center di Miami: una vittima di un proiettile nei suoi trent'anni è stata appena tagliata dallo sterno all'inguine, esponendo organi scintillanti che fremono e pulsano. Il medico curante, Fahim Habib, e due chirurghi in formazione - un compagno e un residente - stanno usando dei potenti retrattori per fare a pezzi l'incisione gigante.

In che modo l'alcol influisce sui recettori "no-go" nel cervello

In che modo l'alcol influisce sui recettori "no-go" nel cervello

Bere alcol non riduce solo le nostre inibizioni sulla pista da ballo, ma influenza anche direttamente le strutture del nostro cervello che inibiscono il nostro desiderio di bere. In particolare, l'alcol influenza i recettori della dopamina che ci convincono a iniziare a bere e ci dicono quando è il momento di smettere.