• Sunday June 16,2019

Nevica su Marte?

Anonim

Dato che ci sono piani ambiziosi per colonizzare Marte nel prossimo futuro, è sorprendente quanto dobbiamo ancora sapere su come sarebbe vivere sul pianeta. Prendi il tempo, per esempio. Sappiamo che ci sono fluttuazioni selvagge nel clima di Marte - e che è molto ventoso ea volte nuvoloso (anche se troppo freddo e secco per le piogge). Ma nevica? I coloni potrebbero essere su Marte in grado di vedere il pianeta rosso diventare bianco? Un nuovo studio suggerisce sorprendentemente così.

Marte è chiaramente abbastanza freddo per la neve. Ha ghiaccio - la cui quantità è variata significativamente nel tempo. Quando il suo asse è inclinato solo di un piccolo angolo rispetto alla sua orbita, la sua superficie è priva di ghiaccio tranne che per i cappucci polari. Questa è la situazione odierna, quando la sua inclinazione assiale è di 25⁰ (simile all'inclinazione assiale della Terra 23⁰). Tuttavia, forse perché Mars manca di una grande luna per stabilizzare la sua rotazione, ci sono stati momenti in cui il suo asse di rotazione è stato ribaltato di fino a 60⁰ - permettendo alle calotte polari di diffondersi, forse anche nella misura in cui c'era abbondante ghiaccio vicino al equatore.

Marte è emerso dalla sua più recente era glaciale circa 400.000 anni fa. Da allora, le sue calotte polari sono state piccole e qualsiasi ghiaccio sopravvissuto vicino all'equatore è stato sepolto sotto la polvere.

L'atmosfera del pianeta è di bassa pressione e molto secca. Sebbene sia ancora possibile che si formino nuvole ad un'altitudine di diversi chilometri, fino ad ora si è generalmente creduto che qualsiasi vera nevicata non avrebbe raggiunto il suolo. Le nuvole, simili ai cirri della Terra, si crede che si formino quando la piccola quantità di vapore acqueo nell'atmosfera si condensa (direttamente dal vapore al ghiaccio) su grani di polvere sollevati verso il cielo durante le tempeste.

Winter Wonderland?

Essendo di pochi micrometri, le particelle di ghiaccio che cadono dalle nuvole cadono a circa un centimetro al secondo. Ciò consente a un tempo più che sufficiente per evaporare prima di raggiungere il suolo (in senso stretto, il processo dovrebbe essere chiamato "sublimazione", perché il ghiaccio va direttamente a vapore, senza prima sciogliersi). Il gelo notturno e stagionale individuato su Marte è stato spiegato da particelle di ghiaccio acqueo che cadevano rapidamente perché erano state rese temporaneamente più grandi e più pesanti da un rivestimento esterno di anidride carbonica congelata dall'atmosfera.

Il nuovo studio, pubblicato su Nature Geoscience, ha trovato un modo in cui minuscoli granelli di ghiaccio d'acqua possono viaggiare fino a terra senza questo strano strato di anidride carbonica congelata. Se corretto, ciò significherebbe una vera neve su Marte, proprio come quella sulla Terra. Il team ha usato le misure di due astronavi orbitanti (il Mars Global Surveyor e Mars Reconnaissance Orbiter) per studiare come la temperatura varia con l'altezza nell'atmosfera di Marte. Hanno scoperto che di notte, l'atmosfera inferiore sotto le nuvole di ghiaccio può diventare instabile, perché diventa meno denso sotto rispetto a sopra.

Ciò porta a rapidi arresti d'aria, viaggiando a circa 10 metri al secondo, che potrebbero portare cristalli di ghiaccio sulla superficie troppo velocemente perché possano "evaporare". Tuttavia, lo strato di neve sarebbe probabilmente sottile e non durerà troppo a lungo prima di essere nuovamente immerso nell'atmosfera, dove potrebbe formare nuove nuvole e nevicate.

Il fenomeno è simile a quello che è noto sulla Terra un "microburst", quando un downdraft localizzato di 60 miglia all'ora (97 chilometri all'ora) sotto un temporale può essere abbastanza potente da appiattire gli alberi. Lo stesso processo può anche essere responsabile di intense nevicate in un luogo particolare, portando i fiocchi di neve verso il basso in un'esplosione, perforando lo strato di aria vicino alla superficie che normalmente sarebbe abbastanza caldo da scioglierli.

Un microburst sulla Terra.

La neve non è ancora stata osservata nel processo di raggiungere effettivamente il suolo su Marte, ma è stato visto cadere nel cielo. Il lander Phoenix della NASA, sbarcato a 68⁰ N nel 2008, è diventato famoso per aver trovato il ghiaccio sotto la superficie quando ha raschiato via lo sporco, ha studiato anche il cielo sopra. Utilizzava un LIDAR (come il radar ma faceva affidamento sui riflessi di un raggio laser) per sondare l'atmosfera, e su almeno due notti osservava cortine di neve che cadevano appese sotto lo strato di nubi.

Se si fosse verificato un downdraft abbastanza potente, allora forse una mattina Phoenix si sarebbe svegliata in un paese delle meraviglie invernale, invece del solito paesaggio rosso - almeno per poche ore.

Questo articolo è stato originariamente pubblicato su The Conversation. Leggi l'articolo originale.


Articoli Interessanti

Kinect Hacks: Turn Invisible, Make a Instant Light Saber, & More

Kinect Hacks: Turn Invisible, Make a Instant Light Saber, & More

La nuova generazione di controllo dei videogiochi ci è arrivata con il rilascio di Kinect di Microsoft, che consente agli utenti di controllare i giochi speciali XBOX 360 con tutto il loro corpo. Gli hacker hanno scavato avidamente nel dispositivo, specialmente da quando Shannon Loftis di Microsoft ha dichiarato a Ira Flatow di Science Friday che nessun hacker si metterebbe nei guai per trovare usi alternativi per il Kinect: "Sono molto felice di vedere che le persone sono così ispirate che è stata meno di una settimana dopo che il Kinect è uscito prima che iniziassero a creare e pensare a

Come studiare gli embrioni, nessun embrione richiesto

Come studiare gli embrioni, nessun embrione richiesto

Studiare lo sviluppo umano - specialmente le primissime fasi della gravidanza - può essere una cosa complicata. Di solito, gli scienziati hanno bisogno di embrioni per esaminare queste prime fasi. Il problema è che gli embrioni sono una risorsa costosa e limitata e lavorare con loro è pieno di dilemmi etici. O

Eclipse followup parte 2: tonnellate di link su come guardare in sicurezza

Eclipse followup parte 2: tonnellate di link su come guardare in sicurezza

Oggi è l'eclissi! Sono eccitato, anche se il nostro tempo qui a Boulder è stato abbastanza touch-and-go nelle ultime settimane. Spero in cieli sereni quindi posso vederlo; Ieri ho ricevuto i miei occhiali eclissi nella posta, quindi sono pronto. A livello locale, CU Boulder è in attesa di vedere nello stadio di calcio! Q

IR Orion

IR Orion

Oddio. Con la riunione della IAU in corso al momento, sapevo che sarei stato colpito da notizie e belle immagini. e avevo ragione. Scoprendo la splendida immagine di una regione che forma le stelle in una galassia vicina, arriva questo: . una regione che forma le stelle nella nostra Galassia. Questa è la famosa Nebulosa di Orione, un'enorme nube di gas e polvere che sta espandendo le stelle.

La nuova legge consente ai prodotti chimici tossici di divieto EPA

La nuova legge consente ai prodotti chimici tossici di divieto EPA

Tunart / Getty Images I leader del Congresso negli anni 70 politicamente turbolenti sono riusciti a far passare leggi radicali per assicurare aria e acqua pulite, proteggere le specie in via di estinzione e tenere le sostanze tossiche fuori dai normali prodotti domestici. Quest'ultima legge, il Toxic Substances Control Act del 1976, ha avuto una revisione nel 2016 in un po 'di bipartisan ritorno al passato

Visualizzazione dei collegamenti del cervello

Visualizzazione dei collegamenti del cervello

Il cervello umano è un posto affollato. Contiene circa 100 miliardi di neuroni, collegati l'un l'altro da un milione di miliardi di sinapsi. Il neuroscienziato Olaf Sporns dell'Università dell'Indiana, il biologo cellulare Jeff Lichtman di Harvard e il neuroscienziato computazionale Sebastian Seung del MIT stanno mappando queste connessioni, con lo scopo di creare un "connectome" di un intero cervello.