• Sunday June 16,2019

Le api possono odorare quanta sessualità abbia avuto la loro regina

Anonim

Solo perché la ragazza parla tra le api è senza parole, non significa che manchi di dettagli intimi. Quando le sorelle miele si riuniscono attorno alla loro regina, possono dire dai suoi feromoni se è accoppiata - e quanto. Quello che imparano può determinare se la lasciano vivere.

La regina honey bee non fa molte regole giorno per giorno, ma lei depone quasi ogni uovo nell'alveare. Le sue figlie diventano api operaie, che mantengono in funzione la colonia. I feromoni che la regina e gli operai emettono - poi si diffondono nell'alveare mentre toccano le antenne e si arrampicano sui corpi degli altri - portano i segnali che mantengono l'ordine. Tra le altre leggi, i feromoni della regina dicono ai lavoratori di non deporre le uova da soli.

Quando la prodezza della deposizione delle uova della regina inizia a svanire, i suoi lavoratori la sostituiranno senza sentimentalismo. Preparano speciali camere d'uovo della regina e danno pappa reale alle larve scelte (che combatteranno una volta che emergeranno, lasciando solo una regina in piedi). Poi gli operai pungono a morte la vecchia regina. "Possono essere necessarie fino a 6 settimane perché la nuova regina produca una nuova coorte di lavoratori", dice Elina Niño, entomologa della Pennsylvania State University. Quindi il processo danneggia la produttività dell'alveare, oltre alla stessa regina inviata.

Insieme ai colleghi della North Carolina State University (dove lavorava all'epoca) e all'Università di Tel Aviv, Niño ha indagato se la regina honey bee è onesta quando invia messaggi ai feromoni ai suoi lavoratori. Se la regina potesse fingere i feromoni che dicono che è in ottima forma, manterrebbe la sua colonia leale più a lungo. Per trovare la risposta, i ricercatori hanno iniziato a inseminare artificialmente alcune api.

Le nuove regine si accoppiano solo una volta nelle loro vite, in una folgorazione sessuale che coinvolge un sacco di maschi (chiamati droni). Conservano tutti gli spermatozoi e li usano, un po 'alla volta, per fecondare le uova che depongono per gli anni restanti. Gli scienziati hanno riunito gruppi di api regine che non si erano ancora accoppiati con nessun drone. Quindi hanno simulato il sesso in diversi modi: alcune donne avevano inserito un ago per simulare l'aspetto fisico dell'accoppiamento. Alcuni hanno ricevuto lo sperma reale (misto dai contributi di più api scapoli), in un volume grande o piccolo. Altri sono stati pompati con un volume grande o piccolo di acqua salata.

Alcuni giorni dopo, le sfortunate regine furono espulse. I ricercatori hanno estratto il contenuto di due ghiandole di feromone, una nella bocca di una regina delle api e l'altra vicino al suo pungiglione. Le analisi chimiche hanno mostrato che nei feromoni delle estremità delle api c'era una differenza tra le regine che erano state inseminate (o fecondate) e quelle le cui viscere erano ancora vuote. I feromoni della ghiandola mandibolare sembravano avere informazioni ancora più specifiche: ogni gruppo di regine (inseminate per l'acqua reale o con acqua salata, con un volume grande o piccolo di qualunque cosa fosse) aveva una firma chimica distinta.

Ma come potrebbero le api operaie rispondere a questi segnali? Gli scienziati hanno messo i loro estratti di feromone su lastre di vetro e li hanno posizionati da gruppi di api operaie. Speravano di approfittare di un comportamento dell'ape chiamato "il seguito", in cui i lavoratori si raggruppavano attorno a una regina mentre la leccavano e la toccavano con le loro antenne.

Le api operaie trattavano le pozzanghere dei feromoni come vere regine. Ma non tutte le donne erano uguali. I ricercatori hanno visto che i lavoratori erano più attratti dai feromoni delle donne che erano piene di seme, piuttosto che acqua salata. Preferivano anche i feromoni delle regine con un volume maggiore di sperma ripieno all'interno di essi.

"Le colonie guidate da coppie di accoppiamenti accoppiati sono più produttive, più resistenti alle malattie e più probabilità di svernare con successo", dice Niño. In altre parole, le regine che si sono accoppiate con molti droni producono alveari che sono più sani, perché sono geneticamente più diversificati. Quindi sarebbe utile che le api operaie siano in grado di fiutare la storia sessuale della loro regina e "agire di conseguenza", dice Niño. Questo potrebbe significare spodestare una regina che non è andata molto d'accordo e scommettere su una nuova regina.

Per gli apicoltori, i risultati aggiungono una nuova importanza ad avere una regina sana. Solo perché una regina depone le uova, sottolinea Niño, non significa che possa mantenere fedeli i suoi sudditi. I lavoratori che non amano l'odore dei feromoni della loro regina, forse perché non si è accoppiato con un numero adeguato di droni, potrebbero eseguirla. Gli apicoltori che vogliono evitare quel dramma dovrebbero assicurarsi che la loro regina abbia molti partner, perché quando parla con i suoi lavoratori del suo passato sessuale, non riuscirà a mentire.
Immagine: di Dude-K (via Flickr)


Niño EL, Malka O, Hefetz A, Tarpy DR, e Grozinger CM (2013). I profili chimici di due ghiandole di feromone sono regolati differenzialmente da fattori di accoppiamento distinti in regine di api da miele (Apis mellifera L.). PloS one, 8 (11) PMID: 24236028


Articoli Interessanti

Kinect Hacks: Turn Invisible, Make a Instant Light Saber, & More

Kinect Hacks: Turn Invisible, Make a Instant Light Saber, & More

La nuova generazione di controllo dei videogiochi ci è arrivata con il rilascio di Kinect di Microsoft, che consente agli utenti di controllare i giochi speciali XBOX 360 con tutto il loro corpo. Gli hacker hanno scavato avidamente nel dispositivo, specialmente da quando Shannon Loftis di Microsoft ha dichiarato a Ira Flatow di Science Friday che nessun hacker si metterebbe nei guai per trovare usi alternativi per il Kinect: "Sono molto felice di vedere che le persone sono così ispirate che è stata meno di una settimana dopo che il Kinect è uscito prima che iniziassero a creare e pensare a

Come studiare gli embrioni, nessun embrione richiesto

Come studiare gli embrioni, nessun embrione richiesto

Studiare lo sviluppo umano - specialmente le primissime fasi della gravidanza - può essere una cosa complicata. Di solito, gli scienziati hanno bisogno di embrioni per esaminare queste prime fasi. Il problema è che gli embrioni sono una risorsa costosa e limitata e lavorare con loro è pieno di dilemmi etici. O

Eclipse followup parte 2: tonnellate di link su come guardare in sicurezza

Eclipse followup parte 2: tonnellate di link su come guardare in sicurezza

Oggi è l'eclissi! Sono eccitato, anche se il nostro tempo qui a Boulder è stato abbastanza touch-and-go nelle ultime settimane. Spero in cieli sereni quindi posso vederlo; Ieri ho ricevuto i miei occhiali eclissi nella posta, quindi sono pronto. A livello locale, CU Boulder è in attesa di vedere nello stadio di calcio! Q

IR Orion

IR Orion

Oddio. Con la riunione della IAU in corso al momento, sapevo che sarei stato colpito da notizie e belle immagini. e avevo ragione. Scoprendo la splendida immagine di una regione che forma le stelle in una galassia vicina, arriva questo: . una regione che forma le stelle nella nostra Galassia. Questa è la famosa Nebulosa di Orione, un'enorme nube di gas e polvere che sta espandendo le stelle.

La nuova legge consente ai prodotti chimici tossici di divieto EPA

La nuova legge consente ai prodotti chimici tossici di divieto EPA

Tunart / Getty Images I leader del Congresso negli anni 70 politicamente turbolenti sono riusciti a far passare leggi radicali per assicurare aria e acqua pulite, proteggere le specie in via di estinzione e tenere le sostanze tossiche fuori dai normali prodotti domestici. Quest'ultima legge, il Toxic Substances Control Act del 1976, ha avuto una revisione nel 2016 in un po 'di bipartisan ritorno al passato

Visualizzazione dei collegamenti del cervello

Visualizzazione dei collegamenti del cervello

Il cervello umano è un posto affollato. Contiene circa 100 miliardi di neuroni, collegati l'un l'altro da un milione di miliardi di sinapsi. Il neuroscienziato Olaf Sporns dell'Università dell'Indiana, il biologo cellulare Jeff Lichtman di Harvard e il neuroscienziato computazionale Sebastian Seung del MIT stanno mappando queste connessioni, con lo scopo di creare un "connectome" di un intero cervello.