• Sunday June 16,2019

In vista dell'incontro critico sulla caccia alle balene, il Giappone ha accusato di acquistare voti

Anonim

E ora, una sordida storia sulla caccia alle balene.

Questo fine settimana, il Sunday Times di Londra ha pubblicato un'esposizione che accusava il governo giapponese di utilizzare aiuti esteri, denaro contante e persino di chiamare ragazze per corrompere le nazioni della Commissione internazionale per la caccia alle balene al voto del Giappone e sostenere la caccia alle balene.

Il Giappone nega l'acquisto dei voti dei membri dell'IWC. Tuttavia, The Sunday Times ha filmato funzionari di governi pro-balenieri che hanno ammesso:
- Hanno votato con i balenieri a causa delle ingenti quantità di aiuti dal Giappone. Uno ha detto che non era sicuro se il suo paese avesse qualche balena nelle sue acque territoriali. Altri sono senza sbocco sul mare.
- Ricevono pagamenti in contanti in buste alle riunioni dell'IWC da funzionari giapponesi che pagano le loro spese di viaggio e di albergo.
- Uno ha rivelato che le ragazze squillo sono state offerte quando i ministri della pesca e i funzionari pubblici hanno visitato il Giappone per le riunioni.

La storia completa è piena di dettagli viscidi, come l'accusa che il Giappone pagasse per l'adesione all'IWC della Guinea e che il ministro del paese in questione richiedesse un'auto e spendendo soldi, o l'affermazione del ministro della Tanzania che le prostitute sarebbero state messo a disposizione in cambio di supporto. Ma, cosa più importante, la storia esce con un incontro IWC cruciale all'orizzonte. Il raduno annuale è in Marocco questo mese, in cui le nazioni discuteranno una possibile fine della moratoria che risale al 1986.

Come abbiamo già notato in una serie di storie sulla controversa caccia alle balene del Giappone, alla nazione è permesso raccogliere alcune balene - meno di 1.000 all'anno - in nome della ricerca scientifica. Ma se la nuova misura passa in Marocco, questo cambia. La moratoria verrebbe revocata in cambio delle nazioni baleniere che promettevano di ridurre i loro totali di cattura in 10 anni. Il Giappone ha rinnovato la sua occasionale minaccia di ritirarsi dall'IWC se il divieto rimane in vigore.

Nel frattempo, la cattiva stampa continua per la caccia alle balene giapponese. The Guardian ha la storia di un informatore che in precedenza lavorava su una nave baleniera e si recava dallo pseudonimo anonimo "Kujira-san" (il signor Whale).

Kujira, che lavorava a bordo della nave madre Nisshin Maru, vide membri dell'equipaggio che si servivano per tagliare la carne di balena e imballarli in scatole che avrebbero contrassegnato con scarabocchi o pseudonimi in modo da poterli identificare quando la nave arrivava al porto. "Non hanno mai scritto i loro veri nomi sulle scatole", ha detto.

Alcuni balenieri avrebbero portato a casa tra le cinque e le dieci scatole, ha detto, mentre uno ha assicurato fino a 40 scatole di carne di prima qualità che preleva ¥ 20.000 (circa £ 148) al chilo se venduto legalmente. Un membro dell'equipaggio ha costruito una casa con i profitti della carne di balena venduta illecitamente, ha detto. "Un altro ha usato i soldi che ha guadagnato per comprare una macchina", ha detto. "Sono stati attenti a selezionare solo i tagli migliori, come la carne vicino alla pinna caudale. Non ho mai osato sfidarli ".


Articoli Interessanti

Kinect Hacks: Turn Invisible, Make a Instant Light Saber, & More

Kinect Hacks: Turn Invisible, Make a Instant Light Saber, & More

La nuova generazione di controllo dei videogiochi ci è arrivata con il rilascio di Kinect di Microsoft, che consente agli utenti di controllare i giochi speciali XBOX 360 con tutto il loro corpo. Gli hacker hanno scavato avidamente nel dispositivo, specialmente da quando Shannon Loftis di Microsoft ha dichiarato a Ira Flatow di Science Friday che nessun hacker si metterebbe nei guai per trovare usi alternativi per il Kinect: "Sono molto felice di vedere che le persone sono così ispirate che è stata meno di una settimana dopo che il Kinect è uscito prima che iniziassero a creare e pensare a

Come studiare gli embrioni, nessun embrione richiesto

Come studiare gli embrioni, nessun embrione richiesto

Studiare lo sviluppo umano - specialmente le primissime fasi della gravidanza - può essere una cosa complicata. Di solito, gli scienziati hanno bisogno di embrioni per esaminare queste prime fasi. Il problema è che gli embrioni sono una risorsa costosa e limitata e lavorare con loro è pieno di dilemmi etici. O

Eclipse followup parte 2: tonnellate di link su come guardare in sicurezza

Eclipse followup parte 2: tonnellate di link su come guardare in sicurezza

Oggi è l'eclissi! Sono eccitato, anche se il nostro tempo qui a Boulder è stato abbastanza touch-and-go nelle ultime settimane. Spero in cieli sereni quindi posso vederlo; Ieri ho ricevuto i miei occhiali eclissi nella posta, quindi sono pronto. A livello locale, CU Boulder è in attesa di vedere nello stadio di calcio! Q

IR Orion

IR Orion

Oddio. Con la riunione della IAU in corso al momento, sapevo che sarei stato colpito da notizie e belle immagini. e avevo ragione. Scoprendo la splendida immagine di una regione che forma le stelle in una galassia vicina, arriva questo: . una regione che forma le stelle nella nostra Galassia. Questa è la famosa Nebulosa di Orione, un'enorme nube di gas e polvere che sta espandendo le stelle.

La nuova legge consente ai prodotti chimici tossici di divieto EPA

La nuova legge consente ai prodotti chimici tossici di divieto EPA

Tunart / Getty Images I leader del Congresso negli anni 70 politicamente turbolenti sono riusciti a far passare leggi radicali per assicurare aria e acqua pulite, proteggere le specie in via di estinzione e tenere le sostanze tossiche fuori dai normali prodotti domestici. Quest'ultima legge, il Toxic Substances Control Act del 1976, ha avuto una revisione nel 2016 in un po 'di bipartisan ritorno al passato

Visualizzazione dei collegamenti del cervello

Visualizzazione dei collegamenti del cervello

Il cervello umano è un posto affollato. Contiene circa 100 miliardi di neuroni, collegati l'un l'altro da un milione di miliardi di sinapsi. Il neuroscienziato Olaf Sporns dell'Università dell'Indiana, il biologo cellulare Jeff Lichtman di Harvard e il neuroscienziato computazionale Sebastian Seung del MIT stanno mappando queste connessioni, con lo scopo di creare un "connectome" di un intero cervello.